giovedì 30 settembre 2010

FINGER FOOD MANIA!!!!



















Finger food è il cibo mangiato con le mani, a differenza del cibo mangiato con un coltello e una forchetta, bacchette o altri utensili. In alcune culture il cibo si mangia quasi sempre con le mani, per esempio la cucina etiope è servita avvolgendo vari piatti in pane injera.
Esempi generalmente accettati di finger food sono i salatini, i rotoli di salsiccia, salsicce su stuzzicadenti, formaggi e olive su stuzzicadenti, ali di pollo, involtini primavera, quiche, samosa, bhajis alla cipolla, patate fritte, vol au vent e arancini di riso. Altri cibi conosciuti che vengono a volte considerati finger food includono la pizza, gli hot dog, la frutta e il pane.
In molti paesi ci sono aziende di catering che forniscono finger food per eventi come i matrimoni, i fidanzamenti, i compleanni e altre celebrazioni. Per i matrimoni, in particolare, il finger food sta diventando sempre più popolare, perché meno costoso e offre più flessibilità di scelta di menù. Antipasti da gourmet come quiche, paté, caviale e sandwich sono adatti a un evento formale, mentre cibo più familiare, come frutta tagliata, salatini, cracker e biscotti sono preferibili in celebrazioni più informali.
Ecco a voi un semplice e gustoso esempio di fibger food:



Pomodorini ripieni di gamberoni, pecorino e surimi.

Tipologia: Antipasto\Stuzzichini per happy hour
Difficoltà: Facile
Tempo: 30min.

Ingredienti per 4 persone:

100gr di pecorino semistagionato
80gr di surimi (polpa di pesce al sapore di granchio)
16 pomodorini tipo Camona non troppo maturi
4 Gamberoni (meglio se mazzancolle)
4 foglie di basilico fresco
2 cucchiai di prezzemolo tritato
2 cucchiaini di scorza grattugiata di limone
1 Spicchio d'aglio (Camicia)
Q.b di olio extra vergine
Q.b di sale e pepe

Procedimento:

Svuotare i pomodorini con un cucchiaino, facendo attenzione a non romperli.
Passare sotto acqua fredda gli stessi in modo tale da eliminare,i semi rimasti all'interno
della parete dei pomodorini.
Disporli su di un piatto o meglio sopra un colapasta rivolti verso il basso per far in modo
che gli stessi possano sgocciolare.

Tritare i surimi e le code dei gamberi sgusciate e pulite.
Saltarli in padella con uno spicchio di aglio in camicia,le foglie del basilico,
i cucchiai di prezzemolo, la scorza di limone grattugiata un pizzico di pepe.
Regolare di sale solo se necessario.

Mantecare a fuoco spento con il pecorino in una ciotola; girare e
schiacciare con la parte concava del cucchiaio in modo tale da
amalgamare il composto.

Con un cucchiaino da tè, riempire i pomodorini e lasciar riposare in frigo per 15 minuti
questo darà più consistenza al pomodoro.

1 commento:

antonella ha detto...

caspita signor ghigino! con elementi semplicissimi un piatto bello e buono!